Aperture domenicali e festive dei negozi: dopo il flop di domenica scorsa, l'apertura di domenica prossima (Delle Palme) è una vergogna

Intervento della CO.DI.COM - Puglia
Redazione 25 Marzo 2010 notizie
Aperture domenicali e festive dei negozi: dopo il flop di domenica scorsa, l'apertura di domenica prossima (Delle Palme) è una vergogna


Abbiamo monitorato l’apertura domenicale dei negozi nella nostra Regione anche domenica scorsa 21 marzo 2010.
Un altro vero Flop che dovrebbe farla smettere a quei Sindaci che continuano a firmare ordinanze sindacali, molto spesso illegittime, come quella dell’ex Sindaco di Andria che consentono le aperture dei negozi (che non aprono) e degli ipermercati (che aprono e fanno affari d’oro).
Questi Sindaci dovrebbero mettersi una mano sulla coscienza e capire, se riescono a farlo, che stanno solo avvantaggiando la Grande Distribuzione e trasferendo risorse dai propri territori altrove.
Flop nell’intera Regione Puglia, a Lecce, nella provincia di Bari, nella Bat e ovunque.
Intanto apprendiamo che quell’ordinanza del Sindaco di Andria, non concertata con le Associazioni di Categoria, come prevede la legge regionale, quindi illegittima, consente l’apertura straordinaria anche domenica prossima delle Palme.
Questa proprio supera ogni limite e non trova spiegazione se non quelle che non ci riguardano.
Il nostro Comitato sostiene appieno la campagna promossa da Unimpresa denominata “SALVIAMO LA DOMENICA”, contro le aperture domenicali e festive dei negozi e sappiamo che, grazie al Comitato regionale “quasi mai di domenica” la stessa sta trovando adesioni nell’intera Regione.
Crediamo che in tutto ciò ci siano interessi ben più al di la di quelli che possiamo immaginare, quindi, mentre nel Nord Italia le amministrazioni comunali stanno facendo percorsi esattamente opposti, tutelando il diritto al riposo festivo, nelle nostre città è fortissima l’influenza dei grandi gruppi economici anche sulle Amministrazioni Comunali.
Speriamo che la situazione si schiarisca al più presto per eliminare qualsiasi strategia che miri a distruggere il piccolo commercio cittadino che, al contrario, andrebbe fortemente rivalutato, come andrebbero ripensate completamente le città ed i centri urbani.
Riflettiamo su questo.

Link utili

Blog Archive