Riaccorpare il mercato e ridurre le aperture festive degli esercizi commerciali

Questo l'esito delle riunioni tra il Sindaco di Andria e le Associazioni di Categoria
Redazione 17 Aprile 2010 notizie
Riaccorpare il mercato e ridurre le aperture festive degli esercizi commerciali


Si è regolarmente tenuta questa mattina, alle ore 12,00 presso il comune di Andria, l’incontro tra il Sindaco di Andria Nicola Giorgino, la Dirigente del Settore Sviluppo Economico dott.ssa Marilena Sgarra ed i Rappresentanti delle Associazioni.
Dopo aver fatto un breve ma significativo excursus su quanto accaduto in merito alla vigente ordinanza sindacale che ha raddoppiato il numero delle aperture domenicali e festive dei negozi e dell’Ipermercato per l’anno 2010; ordinanza ritenuta illegittima in quanto non concertata e non condivisa, come previsto obbligatoriamente dalla vigente legge regionale, il Sindaco Nicola Giorgino ha chiaramente affermato di voler mantenere l’impegno assunto in campagna elettorale, che corrisponde anche alla sua volontà personale, di limitare il numero delle aperture al minimo previsto dalla vigente legge (una al mese) e comunque secondo i criteri di concertazione e condivisione previsti.
Anche oggi, all’unanimità dei presenti, è stata confermata la volontà di mantenere gli impegni assunti, quindi quelli di una sola giornata di apertura al mese.
Da parte nostra abbiamo manifestato tutto il disappunto per quanto accaduto e per le vicende, per nulla chiare o chiarite, che hanno accompagnato l’iter relativo all’ordinanza sindacale emanata dalla precedente Amministrazione Comunale.
Intanto la riunione è stata aggiornata al giorno giovedì 22 aprile 2010, alle ore 17,00, sempre a Palazzo di Città, allorquando, espletate alcune formalità, si procederà con la definitiva approvazione della modifica alla vigente ordinanza sindacale, alla luce dell’aspettativa che la vigente ordinanza ha creato in Soggetti che hanno fortemente voluto quel provvedimento, pur consapevoli della sua illegittimità.
In ogni caso la nuova ordinanza sindacale avrà alla base il ripristino della correttezza dei procedimenti e l’accoglimento della volontà dei soggetti rappresentativi, che si sono già espressi nel merito in numerose riunioni ufficiali che si sono susseguite presso l’Ente Pubblico.
Sicuramente non tollereremo che cose del genere si ripetano in futuro in quanto il rispetto delle norme e delle reali volontà dei diretti interessati, che sono i commercianti, non possono soccombere a interessi personalistici e lobbistici.
Questo continueremo a denunciarlo. SEMPRE.


Dall’incontro tenutosi nel pomeriggio di ieri, venerdì 16 aprile 2010, convocato dal Sindaco di Andria, Avv. Nicola Giorgino, è emersa con chiarezza la volontà del primo cittadino andriese di voler “riaccorpare” il mercato settimanale del lunedì di Andria. Avviata la discussione sull’argomento, la riunione stessa è stata aggiornata alle ore 17,00 di martedì prossimo 20 aprile, sempre a Palazzo di Città.
Come Unimpresa Provinciale Bat – Federazione Commercio su Aree Pubbliche, abbiamo preso atto della volontà del Sindaco circa il riaccorpamento del mercato del lunedì. Per individuare metodologia e criteri, il Direttore di Unimpresa Bat, Savino Montaruli, partecipe all’incontro, ha proposto l’aggiornamento della riunione a martedì prossimo. Cosa che avverrà.
Il Presidente di Unimpresa Bat, Francesco Sipone, intanto, ha convocato una riunione del Consiglio Direttivo dell’Associazione di Categoria rappresentata, che si terrà lunedì 19 aprile 2010.
Il Consiglio Direttivo dell’Associazione approfondirà molti degli aspetti che hanno caratterizzato la vicenda legata al trasferimento e sdoppiamento del mercato di Andria, anche quelli giuridici, alla luce della prima sentenza che il TAR Puglia emetterà il prossimo 13 maggio e dei risvolti relativi ai lavori di rifacimento della villa comunale e alla messa in sicurezza della stessa, elementi che avallano ancor più le tesi dei ricorrenti, i quali sicuramente vedranno riconosciute le loro ragioni, con conseguenze anche in funzione dei gravissimi danni subiti dalla sciagurata decisione della precedente Pubblica Amministrazione.
Questo è un aspetto non trascurabile anche perché il Ricorso suddetto è stato firmato dal Direttore di Unimpresa Prov.le Bat quale Soggetto Ricorrente e sarà proprio lo stesso Direttore ad approfondirne i contenuti e relazionare in merito.

Unimpresa Bat

Link utili

Articoli recenti

Blog Archive