Nuova ordinanza conferimento rifiuti solidi urbani

Previste sanzioni amministrative fino a € 500,00 per chi non si attiene alle regole
Redazione 23 Giugno 2010 notizie 822
Nuova ordinanza conferimento rifiuti solidi urbani


Il Sindaco, con propria ordinanza, ha disposto le modalità di conferimento e di raccolta differenziata dei rifiuti provenienti da utenze domestiche, attività commerciali, artigianali ed uffici.

Le nuove disposizioni riguardano la raccolta rifiuti urbani indifferenziati, la raccolta differenziata della frazione umida/organico, la raccolta differenziata di carta e cartoni, quella di plastica, alluminio e acciaio, la raccolta di vetro, abiti dismessi, pile esauste, farmaci scaduti, raccolta ingombranti, cestini stradali getta carte ed il conferimento presso l'isola ecologica.

L'ordinanza ricorda anche che le violazioni del corretto conferimento dei rifiuti comportano l'applicazione, nei confronti dei trasgressori, della sanzione amministrativa pecuniaria da un minimo di € 25,00 ad un massimo di € 500,00 con le procedure sanzionatorie previste dalla legge 689/81.

Inoltre è vietato, all'interno del territorio comunale, abbandonare e depositare rifiuti di qualsiasi genere sul suolo e nel suolo, nelle acque superficiali e sotterranee e nei luoghi diversi da quelli stabiliti per la raccolta differenziata. Tali violazioni comportano l'applicazione di sanzioni amministrative pecuniarie previste dagli art. 255 e 256 del decreto legislativo 152/2006: da un minimo di euro 105,00 ad un massimo di euro 620,00.

Se l'abbandono incontrollato dei rifiuti è ascrivibile ai titolari di imprese, ai lavoratori autonomi ed ai responsabili di Enti, la pena prevista è l'arresto da tre mesi ad un anno o l'ammenda da euro 2.600,00 a euro 26.000,00 se si tratta di rifiuti non pericolosi, e l'arresto da sei mesi a due anni e l'ammenda da euro 2.600,00 a euro 26.000,00, se si tratta di rifiuti pericolosi.

Infine è vietato spostare i cassonetti e gli utenti devono assicurare la loro perfetta chiusura.

Link utili

Articoli recenti

Blog Archive