Fidelis Andria, riecco Nicola Strambelli, la gioia del popolo

Torna in biancoazzurro il mago numero 10
Gianluca Losito 28 Luglio 2023 calcio 758
Fidelis Andria, riecco Nicola Strambelli, la gioia del popolo


Oltre sette anni sono passati dall'ultima volta in cui Nicola Strambelli ha indossato la maglia della Fidelis Andria. Eppure, non c'è stato momento di questa lunga attesa in cui ogni tifoso della Fidelis Andria non ha sperato che il fantasista barese tornasse ad indossare la maglia della Fidelis. In tutto questo tempo, per dirla con C'era una volta in America, il tifoso della Fidelis "è andato a letto presto". E alla fine, proprio quando oramai le strade tra l'Andria e il mago sembravano non potersi più riunire, dopo tanti falsi allarmi e trattative mai decollate, Nicola Strambelli è tornato alla Fidelis Andria.

Per Strambelli, risulta quasi inutile ricordare chi è e di cosa si è reso protagonista nel corso di questi anni, anche se meritano quantomeno una menzione i 17 gol e 12 assist nella stagione di Molfetta 2020/2021. Probabilmente la stagione in cui Strambelli si è espresso meglio nel corso degli ultimi anni: nella squadra di mister Bartoli, il numero 10 non aveva un vero e proprio ruolo, ma svariava in base alla propria sensibilità disegnando calcio a tutto campo.

Un ruolo che NS10 potrà ritagliarsi anche all'interno della squadra di Farina, che tanto ne apprezza la capacità di cucire il gioco a corto ed ampio raggio. Parlando solo sulla carta, il ruolo che dovrebbe occupare Strambelli è quello di trequartista centrale (o esterno destro) all'interno del 4-2-3-1.

Non si può parlare di Strambelli, però, senza parlare delle reazioni che ha scaturito nel pubblico andriese. Un'allegria ed una soddisfazione quasi incontrollabili, un hype, per dirla con una terminologia moderna, che ad Andria non si sentiva da molto. In questo senso, Strambelli ricorda molto Mané Garrincha, la storica ala destra della nazionale brasiliana che vinse due mondiali accanto al più grande di tutti, Pelé. Se Pelé era il più forte, Garrincha era il più amato: il suo soprannome era Alegria do povo, cioè gioia del popolo, per rendere l'idea di cosa rappresentava quel giocatore piccolo ma ricco di inventiva calcistica. Allo stesso modo, Strambelli è capace di accendere il pubblico con delle giocate senza senso: l'ultima in ordine cronologico è un gol in Puteolana-Casarano dalla linea del fallo laterale, l'ennesimo trucco di magia di una carriera splendida.

Bentornato a casa Nicola!

Link utili

Articoli recenti

Blog Archive