Andria - Catanzaro 0-1

A fine gara un quasi tiro del Catanzaro vanifica tutto quanto costruito dall'Andria
Vincenzo Fasanella 02 Novembre 2008 calcio


Una sfortunata deviazione di capitan Sgarra corregge nella propria rete un tiro innocuo del catanzarese Caputo condannando l’Andria alla terza sconfitta interna.
Il primo tempo vede i biancoazzurri costantemente in avanti alla ricerca del vantaggio. Si vede un buon gioco da parte dei pugliesi, che però non riescono a scardinare la difesa giallorosa. Si va negli spogliatoi con il risultato di 0-0.

Nella ripresa il copione non cambia. Al 5’ Cavaliere dalla destra lancia la palla al centro verso Sy che calcia a rete; Mancinelli non si fa sorprendere e devia in angolo. Al 12’ sono i calabresi ad andare vicini al gol: dalla sinistra Tomi batte un calcio di punizione; sulla traettoria si fa trovare pronto Berardi che con un colpo di testa impegna Amadio. Più tardi Sy recupera palla sulla destra e lancia in avanti verso Cavaliere che spara a rete; Mancinelli respinge. Al 25’ Doumbia dalla sinistra calcia un diagonale che fa gridare al gol, ma la palla termina fuori. Si giunge al 35’ quando Mangiacasale ruba palla a centrocampo e si catapulta in avanti. Al limite dell’area andriese serve Caputo che calcia un pallone destinato a finire sul fondo, ma che Sgarra sfortunatamente devia alle spalle di Amadio. La beffa è servita.

andria - catanzaro

curva nord

curva nord

osputi

Link utili

Articoli recenti

Blog Archive