A.S.Andria, Canonico e Fusiello si dimettono

Fusiello: non ci sono le condizioni necessarie per lavorare serenamente
Redazione 26 Ottobre 2010 calcio
A.S.Andria, Canonico e Fusiello si dimettono


L’Associazione Sportiva Andria Calcio Srl, in data 26 Ottobre 2010, ufficializza le dimissioni dai propri incarichi del Presidente Nicola Canonico e del Presidente Onorario Riccardo Fusiello.

Dopo le veementi e indecorose minacce rivolte nel dopo partita di Andria Juve Stabia, da parte di alcuni ultras andriesi, nei confronti del Presidente Nicola Canonico, lo stesso con il Vice Presidente è giunto a conclusione che si possono accettare anche reiterate contestazioni, ma arrivare a minacciare in maniera del tutto mirata, quasi premeditata, e personale non è ammissibile.

Da sottolineare l’assenza da parte dell’Amministrazione Comunale in questi quattro mesi di lavoro, che non ha convocato i vertici della Società, quantomeno per discutere di un patrimonio cittadino quale l’A.S.Andria rappresenta; anche dopo la verbale aggressione di domenica, non sono pervenute chiamate o lettere di vicinanza da parte di alcun componente dell’amministrazione cittadina. Adesso la Società si augura il loro intervento per il proseguo del cammino.

Dopo le dimissioni di Canonico e Fusiello, rigettate dal Consiglio di Amministrazione, ma ratificate dai due gerenti mostratisi inamovibili sulla decisione, il Consiglio di Amministrazione è caduto in toto; il presidente del Consiglio ha così convocato, per Giovedì 28 Ottobre, l’Assemblea generale dei Soci per garantire l’amministrazione della Società di Contrada Barbadangelo.

L’A.S. Andria conclude sottolineando il proprio dispiacere nei confronti degli imprenditori che avevano sposato in maniera incondizionata il progetto andriese.


Queste le dichiarazioni ufficiali fatte all’unisono dai due soci:
Il nostro progetto è stato boicottato da qualche facinoroso; quelli di Domenica sono stati episodi vergognosi e ingiustificati; accettiamo le contestazioni ma non le minacce! Ringraziamo gli imprenditori che hanno dimostrato la loro approvazione al nostro progetto. Non possiamo fare la stessa cosa con l’Amministrazione Comunale che non ci ha convocato in quattro mesi e più di lavoro svolto. Sarà necessario proprio il loro intervento per il futuro di questa Società! Noi garantiremo e onoreremo il nostro compito fino a Gennaio a patto che, squadra e tecnici facciano la stessa cosa, onorando una maglia storica e importante come quella andriese”.
Poi Fusiello aggiunge:
Ho portato la squadra dalla D alla C1 e mi sono da solo, e sottolineo da solo, impegnato a cercare imprenditori per portare l’Andria a grandi livelli; questo è il ringraziamento che la tifoseria anzi una piccolissima parte di essa, ha dimostrato! Con gli episodi accaduti, hanno offeso me in prima persona! Canonico era un mio ospite qui ad Andria! Passano gli anni, ma non ci sono le condizioni necessarie per lavorare serenamente!”.

Ufficio Stampa A.S.Andria

Link utili

Articoli recenti

Blog Archive