Andria - Benevento 1-1

Biancoazzurri in dieci agguantano il pareggio
Redazione 23 Aprile 2011 calcio


Una prodezza di Paolucci direttamente da calcio d’angolo, regala un punto d’oro nella gara casalinga contro il Benevento. L’anticipo del Sabato, per le festività pasquali, si chiude sull’ 1 a 1, con un Andria che ci ha messo tutto, ordine, agonismo e soprattutto il cuore, oggi più che mai.

Squadra che vince non si cambia, ed allora mister Degli Schiavi ripropone gli stessi undici vincenti di sette giorni fa con l’unica variante, il ritorno in difesa di capitan Di Simone che aveva saltato la trasferta di Cosenza per squalifica. Dall’altra parte, tanto rispetto ma nessun timore per una corazzata quella del Benevento che negli ultimi tempi appare in leggero calo psicofisico.

PRIMO TEMPO: I biancoazzurri partono forte. 40” Paolucci con un cross a rientrare, spedisce la sfera di poco a lato della porta difesa da Paoloni. Nei primi 20 minuti i ragazzi di mister Degli Schiavi fanno girare bene la sfera giocando a viso aperto, contro una compagine di notevole tasso tecnico. Bella, l’azione congeniata dagli azzurri al minuto numero 13: Statella va in progressione sulla destra poi inventa per Anaclerio che arriva a tu per tu con Paoloni, ma si fa chiudere lo specchio della porta dall’estremo di casa. Il bel momento andriese però viene appannato sul più bello. Al 21° Pierotti si becca il secondo giallo e finisce negli spogliatoi anzitempo. Nonostante l’uomo in meno gli azzurri continuano a sciorinare un buon calcio, cominciando a rischiare qualcosa solo al 30°quando Spadavecchia ci deve mettere i pugni per respingere una conclusione potente, ma centrale, di Bianco. Mister Degli Schiavi per riequilibrare i suoi, richiama in panchina Evangelisti e ricompone la linea difensiva con Di Bari. Dall’altra parte il tecnico Galderisi per dare più profondità alla manovra inserisce la punta Evacuo richiamando La Camera. Sul finire Paolucci prova a sorprendere l’estremo ospite direttamente su punizione ma la traiettoria finisce sul fondo.

SECONDO TEMPO: Stessi interpreti della prima frazione per entrambe le compagini. A cambiare invece è il risultato dopo soli 4 minuti. Una leggerezza della difesa andriese permette a Clemente di imbeccare Evacuo che non ha difficoltà a depositare la sfera alle spalle di Spadavecchia, con un tiro preciso. L’Andria non ci sta e si getta a capofitto alla ricerca del pari, ma l’inferiorità numerica si fa sentire. Di fatto il Benevento arriva più volte dalle parti di Spadavecchia, ma senza impensierire più di tanto l’estremo di casa. La seconda mossa del tecnico andriese per cambiare le sorti della gara si chiama Berretti, che prende il posto di un volenteroso Anaclerio. Al 25° Coletti cerca la profondità per Minesso che arriva a tu per tu con Paoloni, ma la conclusione non è delle migliori e la sfera termina alta sulla traversa. Entra Doumbia per Statella, che esce tra gli applausi. La determinazione andriese trova il giusto epilogo al minuto numero 31° con Paolucci che fa qualcosa di spettacolare: direttamente da calcio d’angolo, con una parabola a rientrare, sorprende Paoloni e fissa il risultato sull’ 1 a 1. Entusiasmo alle stelle per i 3300 supporters andriesi che esplodono di gioia e incitano i propri beniamini con ancor più foga. Il gol segnato ravviva ancor di più l’incontro, con un Andria che ci crede provando a prendere i tre punti, ma non succede più nulla. Quanto fatto dagli azzurri in campo quest’oggi è stato da incorniciare e l’intero Degli Ulivi applaude!


Nel dopo partita, i due tecnici Degli Schiavi e Galderisi e il centrocampista Paolucci, analizzano a caldo il pari odierno.

DEGLI SCHIAVI: “E’ un punto che vale tanto. Siamo ingenui a lasciare sempre un uomo in più agli avversari, e questo ci complica ogni volta i piani. Poi quando lasci un uomo in più a squadre come Benevento e Atletico Roma è come consegnare la vittoria nelle loro mani. La squadra ha carattere e lo dimostra l’ennesima reazione avuta dopo essere andati in svantaggio. La prima ammonizione di Pierotti ci poteva stare, ma la seconda è stata eccessiva. Dobbiamo continuare su questa strada e fare più punti possibili fino alla fine del campionato, per poi tirare le somme”.

PAOLUCCI: “Il gol è stato cercato. Già in allenamento ho voluto provare la conclusione a rete da calcio d’angolo e questa volta mi è andata bene. Il rosso a Pierotti è stato eccessivo ”.

GALDERISI: “L’Andria in casa ha fatto soffrire tante squadre. Noi questo lo sapevamo benissimo. Abbiamo cominciato bene l’incontro; si era messa in discesa la gara dopo il gol del vantaggio. Alla fine ci siamo complicati la vita da soli e abbiamo lasciato 2 punti per strada. Non abbiamo mai guardato la Nocerina, perché prima dobbiamo pensare a far bene noi”.

Ufficio Stampa A.S.Andria

Guarda le immagini -->>

Link utili

Articoli recenti

Blog Archive