IDV: noi facciamo politica e parliamo di fatti concreti non di fuffa

Intervento di Cristina Capogna Coordinatrice IdV Andria
Redazione 04 Febbraio 2010 notizie 907
IDV: noi facciamo politica e parliamo di fatti concreti non di fuffa


Come Italia dei Valori abbiamo scelto in maniera consapevole di stare all'interno della coalizione di centrosinistra e di dare il nostro appoggio a Niki Vendola, in piena coerenza con le battaglie portate avanti in questi 5 anni, battaglie incentrate sui contenuti e sui valori della trasparenza e che spesso hanno comportato una critica nei confronti del nostro stesso schieramento. Noi oggi siamo orgogliosi proprio di questo: di aver mantenuto intatta la nostra integrità e di non aver avuto paura di manifestare le nostre perplessità, nell’ottica del bene della collettività, anche in maniera scomoda e anche andando contro gli interessi della nostra stessa coalizione.

Oggi il nostro appoggio a Vendola è tanto più saldo perché rappresenta davvero un atto di discontinuità con il passato, realizzato partendo dalla consapevolezza degli errori passati e dalla volontà di fare sempre meglio in futuro.

La nostra rinnovata alleanza si basa infatti su fatti concreti come lo sviluppo delle energie rinnovabili, il no all'acqua privatizzata, la particolare attenzione al tema del lavoro e al ruolo e all'importanza delle Pmi nel tessuto economico della regione e del paese. Il nostro appoggio a Vendola non è un modo per occuparci di poltrone, ma una modalità di messa a disposizione del futuro governo regionale delle migliori professionalita' pugliesi che troveranno spazio nelle liste che stiamo costruendo coinvolgendo la società civile.

La classe politica di destra è invece distante anni luce dalla gente e popolata da tanti yes-man che al momento pascolano all’interno di questi partiti che per grazia divina li hanno prescelti, facendoli assurgere a ruoli spesso al di sopra delle loro reali capacità.

Il centrodestra non ha vere sezioni, vere segreterie, veri coordinamenti. Al Centro domina solo la figura suprema di Silvio che si guarda bene dall’aver contatto con la base, con la gente. Perché lui la base, la gente, le domina, le controlla, le imbonisce.

A questa politica di plastica noi preferiamo Vladimir Majakovskij che diceva:
"Non rinchiuderti, partito, nelle tue stanze, resta amico dei ragazzi di strada".

Link utili

Articoli recenti

Blog Archive